Edge Rank, io ti odio.

140 Flares Twitter 45 Facebook 46 Google+ 30 LinkedIn 14 Pin It Share 5 140 Flares ×

Vi sarete accorti che la visibilità dei post di molte pagine Facebook è crollata. Brutalmente crollata. Da un giorno all’altro i contenuti che postate abitualmente, da che erano visti in media da un 10-15% della fan base, sono diventati (quasi) invisibili.

20131204_123405

E’ successo anche a me, non su tutte le pagine che curo, ma su alcune sicuramente sì.

E nessuno sa davvero spiegarsi il perchè, tra supposizioni legate a fantomatici cambiamenti nell ‘EdgeRank (l’algoritmo che gestisce la visibilità dei contenuti su FB) e l’ovvia volontà di premiare i contenuti “pagati” da parte della piattaforma. Ieri è uscito un comunicato in merito, direttamente da Facebook: http://newsroom.fb.com/News/768/News-Feed-FYI-Helping-You-Find-More-News-to%20-Talk-About.

Come interpretare questa notizia?

We’ve noticed that people enjoy seeing articles on Facebook, and so we’re now paying closer attention to what makes for high quality content, and how often articles are clicked on from News Feed on mobile. What this means is that you may start to notice links to articles a little more often (particularly on mobile).

L’intenzione sembra essere positiva, soprattutto per chi, come me e voi, gestisce con somma fatica e tanto impegno pagine Facebook in modo che mantengano quotidianamente una qualità alta: i contenuti migliori verranno premiati, a discapito di gattini, meme, foto “furbe”, catene di sant’antonio e “a chi piace clicchi su mi piace”. Il problema è capire quali siano i contenuti di qualità per il signor Facebook: sono quelli più condivisi e cliccati? Saranno quelli provenienti da siti affidabili (in stile Google, insomma)? Saranno quelli delle pagine aziendali ufficiali, tematiche e verticali?

NON SI SA.

A quanto pare, interpretando questo comunicato, possiamo ipotizzare che:

  1. I link che portano verso siti esterni a Facebook potrebbero essere di nuovo trattati discretamente dall’algoritmo;
  2. Appariranno degli “articoli correlati” a quelli pubblicati. Da capire come verranno scelti, e se potranno essere influenzati da eventuali sponsorizzazioni
  3. Vecchia regola: meglio pubblicare meno ma pubblicare meglio. I contenuti di qualità le aziende spesso li hanno ma non li utilizzano per poca voglia di rischiare, per timore di modificare il tono della comunicazione per adattarlo ai social. Se non si hanno in casa, vanno creati in qualche modo.

Infine è interessante l’ultimo paragrafo del comunicato rilasciato da FB: pare che in futuro verrà data visibilità anche ai commenti che scaturiscono al di sotto dei link pubblicati. Sappiamo tutti che, una volta cliccato su un link (sempre che Fb ce lo faccia vedere) è difficile fare il percorso inverso per tornare a commentare il medesimo. In futuro vedremo invece più spesso e in modo evidenziato i “nuovi commenti” relativi a un link che ci ha interessati.

Insomma, le premesse mi sembrano interessanti. Il concetto, diciamo, è giusto. Vediamo se nel passaggio dall’idea alla realizzazione quanto peso avranno i contenuti sponsorizzati (a quanto pare gli unici privilegiati su Fb).

Stay Tuned.

 

Tag:, ,

Categories : Facebook, Primo Piano, Top

About the author

Davide Licordari è Social Media Strategist e si occupa di strategia sui Social Media, Community Managing e Pubbliche Relazioni Digitali presso l'agenzia torinese Seolab. Si è occupato di Social media Marketing per Gruppo Benetton, Seat PG, Bakeca.it, Autogrill, Hp Italia, Il Secolo XIX, Panino Giusto e molti altri. Papà di Twitterpedia, Twitstupidario e dei TweetAwards. Più informazioni sull'autore Segui questo blog su Facebook
Loading Facebook Comments ...

4 Responses to “Edge Rank, io ti odio.”

  1. The geek of the week | The concept store dic-6, 2013

    [...] Ti interessa? leggi cosa dicono sui blog seri La “confessione” di Facebook su Advertising Age Edge rank, io ti odio di Davide Licordari [...]

  2. Paola dic-6, 2013

    Ciao Davide, ho trovato il tuo post molto chiaro e l’ho linkato qui http://bit.ly/18oB4qW

  3. Simone Moriconi dic-13, 2013

    Ciao Davide, credo che potrebbe emergere di interesse il pulsante “Ricevi Notifiche” della pagina, solo su pagine con contenuti realmente interessanti per l’utente. Cosa che costringerà le pagine a conquistarsi il pubblico con i contenuti, pubblicando poco, ma con qualità molto più alta…

  4. Davide Licordari dic-13, 2013

    SI potrebbe essere utilissimo per le pagine, ma forse andrebbe fatta una campagna adv per far conoscere agli utenti questo possibilità! :)

Leave a Reply

140 Flares Twitter 45 Facebook 46 Google+ 30 LinkedIn 14 Pin It Share 5 140 Flares ×