Viralità e Personal Branding sul Social Web

A inizio dicembre ho tenuto un intervento all’interno degli incontri organizzati dal CirCe (Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Comunicazione) dell’Università di Torino sul tema “Viralità e Personal Branding sul Social Web”.

Il punto di partenza dell’intervento è ciò che raccontavo in questo post: perchè ciò che individuiamo come “virale” molto spesso nasce da persone che sono tutto tranne che esperti di comunicazione, professionisti del settore o aziende che possono assoldare i migliori creativi sulla piazza? Perchè ciò che è “non brandizzato” (e magari qualitativamente peggiore) riscuote un successo maggiore presso il pubblico dei social rispetto a lavori infinitamente più raffinati, curati e strategicamente posizionati?

La risposta che provo a dare io sta sia nella differente libertà di espressione che ha colui che non deve rendere conto a una serie di valori (etici, economici, etc.), sia nella differente percezione dei contenuti (marchiati/non marchiati) da parte degli utenti: ciò fa sì che da un lato vengano prodotti contenuti maggiormente (potenzialmente) virali, e dall’altro che ci sia un pubblico più predisposto ad accogliere determinati stimoli.

Viralità e personal branding

Ecco il link per guardare il mio intervento in versione integrale: https://www.youtube.com/watch?v=Ndy3WksKwY0

 

Visite: 2714
Loading Facebook Comments ...

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *