Aziende sui social: Birra Castello

65 Flares Facebook 0 Twitter 39 Google+ 14 LinkedIn 7 Pin It Share 5 65 Flares ×

Sapete che ogni tanto mi piace portare la voce delle aziende attive sui social media su questo blog. Oggi è il turno di Birra Castello, un marchio friulano molto giovane che si sta facendo sicuramente notare.  Lascio la parola a Stefano Falcone (responsabile Marketing Birra Castello), che ha risposto alle mie classiche 5 domande!

1)Breve storia di Birra Castello in 140 caratteri, come se fossimo su Twitter

 Birra Castello è la prima birra senza una storia. E’ giovane, infatti è nata solo nel 1997. Non ha un  passato, ma pensa in grande al suo futuro.

Go 026

2)Oltre 6mila fan su facebook e più di 3000 su twitter: quale strategia utilizza Birra Castello per i suoi canali social? Quali sono gli obiettivi di comunicazione che vi ponete?

Nella nostra strategia di comunicazione l’utilizzo del web e dei social network rivestono senza dubbio un ruolo fondamentale, perchè ci consentono di rapportarci in modo diretto con il consumatore, senza il filtro del canale di distribuzione e senza passare attraverso l’acquisto. Quella che si costruisce attraverso i social network è una relazione spontanea, con chi ci apprezza ed è già nostro consumatore, ma anche con chi (ancora) non lo è. Gli obiettivi di comunicazione che ci poniamo sono quindi duplici: da un lato l’aumento della awareness del brand attraverso la diffusione di contenuti valoriali e un dialogo diretto con il consumatore, dall’altro la costruzione di una relazione dedicata, grazie alla segmentazione dei contatti e alla profilazione degli utenti

3) Spesso è difficile far comprendere che i social network non sono dei veri e propri canali di vendita, bensì un luogo di “conversazione” con gli utenti: voi riuscite a percepire questo “dialogo” con coloro che vi seguono su facebook e Twitter?

Sì, forse proprio perché è  facile conversare davanti ad una buona birra. Così intendiamo anche i nostri spazi, momenti di condivisione e socializzazione per conoscere meglio i nostri consumatori, dare loro spazio per esprimersi e per conoscerci in modo semplice e diretto.  Birra Castello (così come gli altri brand del gruppo, Birra Dolomiti, Superior e Fabbrica di Pedavena) ha un’anima da raccontare al di là del prodotto e i social network ci danno la possibilità di farlo ma soprattutto ci danno la possibilità di comprendere senza filtri come veniamo percepiti. La grande differenza è data proprio da questo.

4) Ho saputo dell’accordo volontario stretto con il Ministero dell’Ambiente: potete dare qualche maggiore informazione ai miei lettori?

Birra Castello ha scelto di dedicare maggiore attenzione all’ambiente adottando diverse misure che riguardano l’adattamento dei sistema gestionale amministrativo fino all’utilizzo del treno come mezzo di trasporto. Lo sviluppo della logistica su treno, per la Sicilia e la Puglia, ha consentito un notevole contenimento delle emissioni di CO2, e del consumo di energia primaria, in linea con le scelte di matrice ambientale del gruppo Birra Castello S.p.A., e con la decisione di stringere l’accordo volontario con il Ministero dell’Ambiente. Attraverso l’intesa, che avrà la durata di 12 mesi, Birra Castello e Ministero dell’Ambiente hanno avviato una collaborazione per promuovere iniziative mirate a valorizzare la sostenibilità nell’ambito di tutto il settore della produzione e della distribuzione della birra. In particolare, si è avviata una metodologia di calcolo per la quantificazione dell’impronta di carbonio relativa alla produzione e commercializzazione della bottiglia di Birra Castello Premium da 33 cl, con l’obiettivo di ridurle e attivare soluzioni più efficaci dal punto di vista energetico.

Le nostre decisioni in termini di politiche ambientali sono coerenti con il posizionamento di Birra Castello. Come diciamo sempre al nostro consumatore, non abbiamo una storia ma vogliamo costruirla insieme, e questo passa anche attraverso la consapevolezza del ruolo che rivestiamo nei confronti dell’ambiente e della sua tutela per il futuro.

5) La birra è un prodotto molto “social-friendly”: avete tuttavia incontrato delle difficoltà nell’approcciarvi a questi canali di comunicazione?

È stato abbastanza naturale per noi utilizzare questi canali di comunicazione che oramai fanno parte del quotidiano. La difficoltà maggiore è mantenere alto l’interesse, perché al di là del numero dei fan e dei like che si ricevono, quello che ci interessa è costruire del valore unico e diffondere dei contenuti. I social network per noi non sono una presenza fine a se stessa, ma uno strumento privilegiato per costruire la nostra storia con il nostro consumatore.

Se volete cercare Birra Castella sui social, questi sono i loro riferimenti:

Facebook: https://www.facebook.com/BirraCastello

Twitter: https://twitter.com/birracastello

Infine, brindiamo insieme!

72b0c26ebbf211e280cd22000a9f18de_7

 

Categories : Case Studies, Casi Facebook, Casi Twitter

About the author

Davide Licordari è Social Media Strategist e si occupa di strategia sui Social Media, Community Managing e Pubbliche Relazioni Digitali presso l'agenzia torinese Seolab. Si è occupato di Social media Marketing per Gruppo Benetton, Seat PG, Bakeca.it, Autogrill, Hp Italia, Il Secolo XIX, Panino Giusto e molti altri. Papà di Twitterpedia, Twitstupidario e dei TweetAwards. Più informazioni sull'autore Segui questo blog su Facebook
Loading Facebook Comments ...

7 Responses to “Aziende sui social: Birra Castello”

  1. Social Case Study: Birra Castello | Carlo Mazzo... mag-28, 2013

    [...] Sapete che ogni tanto mi piace portare la voce delle aziende attive sui social media su questo blog. Oggi è il turno di Birra Castello, un marchio friulano  [...]

  2. Mattia mag-28, 2013

    Un case study davvero interessante… senza dubbio sanno cavarsela, certo la tipologia del prodotto aiuta ma sono in gamba!

  3. Social Case Study: Birra Castello | Training, e... mag-28, 2013

    [...] Sapete che ogni tanto mi piace portare la voce delle aziende attive sui social media su questo blog. Oggi è il turno di Birra Castello, un marchio friulano  [...]

  4. Daniele Viralavatar mag-29, 2013

    A me in realtà non fa impazzire. Non sono numeri sui SN da Fail ma neanche da case history. L’engagement è molto basso e la comunicazione è sporadica e non crea un dialogo continuo con i fan del marchio o una crescita della brand awareness

  5. Davide Licordari mag-29, 2013

    Io non ho dato giudizi, semplicemente mi pice dar voce ogni tanto (quando ne ho la possibilità) alle aziende che si muovono (più o meno bene) su questi terreni che per noi sono famigliari..forse è fuorviante il “Case Study” nel titolo, a ben pensarci :)

  6. Aziende sui social: Birra Castello | Davide Lic... mag-29, 2013

    [...] Sapete che ogni tanto mi piace portare la voce delle aziende attive sui social media su questo blog. Oggi è il turno di Birra Castello, un marchio friulano  [...]

  7. Social Case Study: Birra Castello | Nuovo desig... giu-13, 2013

    [...] Sapete che ogni tanto mi piace portare la voce delle aziende attive sui social media su questo blog. Oggi è il turno di Birra Castello, un marchio friulano  [...]

Leave a Reply

65 Flares Facebook 0 Twitter 39 Google+ 14 LinkedIn 7 Pin It Share 5 65 Flares ×